Dal 1.1.2022 Sacrificio Quaresimale si chiama :
Azione Quaresimale  
Insieme porre fine alla fame
Il nome cambia, i nostri valori restano gli stessi. Grazie di cuore per il suo sostegno!
close-disruptor

La congolese suor Nathalie conta sull'Iniziativa per multinazionali responsabili

Un’opportunità per un’economia più giusta

17.11.2020

Avvocata nella città mineraria di Kolwezi, suor Nathalie Kangaji coordina il consultorio giuridico del Centre d’Aide Juridique et Judiciaire, partner di Azione Quaresimale e Pane per tutti. Ha scritto questo testo per noi.

La Repubblica Democratica del Congo ha una moltitudine di risorse naturali e minerali strategici, tra cui rame e cobalto.

Oggi il cobalto è il minerale più richiesto al mondo, grazie alla sua utilità nella produzione di batterie di prossima generazione per smartphone e auto elettriche. Di conseguenza, le miniere di rame e di cobalto e le loro attività sono diventate delle maglie essenziali nell’economia.

La provincia di Lualaba, nella Repubblica Democratica del Congo, è un importante polo minerario, come lo dimostra la presenza di grandi miniere di rame e cobalto. Detiene anche quasi la metà delle riserve mondiali di cobalto. Paradossalmente, l’immensità della ricchezza mineraria contrasta con l’estrema povertà delle popolazioni locali che difficilmente beneficiano delle attività minerarie. Potremmo allora chiederci come utilizzarre il reddito derivante dallo sfruttamento di questo cobalto in modo che possa concretizzarsi in sviluppo per questa provincia e in particolare per le comunità circostanti?

Kolwezi si trova anche nella provincia di Lualaba, nella zona più ricca di cobalto del mondo. Non è un caso che due delle filiali di Glencore, Mutanda Mining e Kamoto Copper Company, si trovino lì. Si scopre che queste attività minerarie molto spesso favoriscono logiche economiche a scapito degli interessi delle popolazioni. D’altra parte, va notato che queste attività non sono prive di rischi per l’ambiente e la salute delle popolazioni.

Attività minerarie pericolose

Infatti, le comunità locali direttamente colpite sono quelle che pagano un prezzo alto e che sono vittime degli impatti negativi, i principali sono l’inquinamento dell’acqua, dell’aria e del suolo, e i loro effetti sulla salute pubblica. Inoltre, ci sono altri abusi con gravi violazioni dei diritti umani. È il caso dell’incidente di un’autocisterna che trasportava acido da una delle filiali di Glencore che si è ribaltato sulla strada Kolwezi vicino al villaggio di Kabwe nel febbraio 2019, che ha ucciso 21 persone e provocato un numero significativo di feriti gravi.

Di fronte a tali danni, il problema delle attività minerarie solleva l’importante questione della responsabilità delle multinazionali. La legge congolese in vigore è chiara e sottolinea che in questo caso l’operatore minerario è tenuto a riparare i danni causati dai lavori, ma la realtà è ben diversa, in quanto le multinazionali, nella pratica, si comportano come padroni.

Nessuna dovuta diligenza è osservata in caso di incidenti. Quando gli effetti del degrado sono visibili, specialmente quando l’acqua è stata contaminata da rifiuti tossici, le colture sono state danneggiate, il suolo inquinato o contaminato, o le vite umane sono state colpite, le compagnie minerarie richiedono prove scientifiche, quindi minimizzare o negare apertamente i fatti prima di rifiutare qualsiasi riparazione. La questione diventa ancora più complicata quando gli effetti sono invisibili o latenti.

Le leggi non funzionano

Ottenere un risarcimento attraverso un accordo amichevole, come previsto dal codice minerario congolese, spesso si rivela difficile per le vittime di fronte alla resistenza delle multinazionali. L’unico modo possibile che resta per esercitare pressioni è quello giudiziario.

Non abbiamo ancora un sistema giudiziario molto forte. Il paese sta ancora lottando per una giustizia equa e indipendente. La nostra giustizia soffre ancora di diversi mali, inclusa la sua incapacità di proteggere adeguatamente i cittadini deboli a causa della corruzione. Da qui la questione del diritto a un equo processo nei confronti delle multinazionali.

È qui che sostengo davvero l’Iniziativa per multinazionali responsabili e invito gli svizzeri di buona volontà a votare a favore. Questa iniziativa offre alle vittime la possibilità di sporgere denuncia in Svizzera e ottenere così il risarcimento del danno subito.

Ricordatevi che il potere economico detenuto dalle multinazionali è un fattore importante di fronte al fallimento della giustizia. Può essere un mezzo per strumentalizzarla. È così che la nostra giustizia si pone spesso al servizio dei più forti, dei benestanti.

Un’occasione per la prevenzione e la giustizia

L’impatto sulla salute pubblica è di grande preoccupazione nelle aree minerarie. È disgustoso vedere che solo gli interessi economici contano a scapito della vita umana. Nessuna autorità o azienda si assume la responsabilità di valutare lo stato reale dell’ambiente e ancor meno la salute delle popolazioni direttamente colpite dalle attività minerarie.

Le attività estrattive hanno un impatto negativo sulla salute pubblica se misure preventive responsabili non vengono prese in tempo. L’Iniziativa per multinazionali responsabili è un mezzo di pressione affinché Glencore vegli sulle sue controllate Mutanda Mining e Kamoto Copper Company per quanto riguarda la loro dovuta diligenza in materia di diritti umani e ambiente. In questa prospettiva, l’iniziativa risulta essere una delle misure di prevenzione responsabili a favore delle popolazioni del Sud danneggiate dalle attività minerarie.

 

L’Iniziativa per multinazionali responsabili consentirà l’emergere di una giustizia efficace ed equa per tutti, dato che la Svizzera è tra i paesi molto avanzati in materia di diritti umani ed è la sede delle loro istituzioni. Tutte le parti potrebbero essere rassicurate sul fatto che a ciascuna è garantito il diritto a un equo processo.

Sœur Nathalie in un’intervista del 2018 (in francese)

Il lato oscuro del boom del cobalto (in francese)

Scoprite il reportage web « Les dessous du boom du cobalt »

Il vostro sostegno è importante!