Dal 1.1.2022 Sacrificio Quaresimale si chiama :
Azione Quaresimale  
Insieme porre fine alla fame
Il nome cambia, i nostri valori restano gli stessi. Grazie di cuore per il suo sostegno!
close-disruptor

Madagascar

Lunga chiusura delle scuole a causa del coronavirus

07.02.2022

Madagascar

Lunga chiusura delle scuole a causa del coronavirus

La pandemia ha reso più difficile anche il lavoro dei responsabili dei programmi nazionali di Azione Quaresimale. Tobias Buser, che ha assunto la responsabilità del Madagascar nel 2020, ha dovuto aspettare oltre un anno prima di potersi recare sull'isola per incontrare per la prima volta le organizzazioni partner di progetto.

Tobias Buser, quali sono le tue impressioni dal Madagascar dopo la prima visita al progetto in dicembre?
Sono stato principalmente nella capitale Antananarivo, dove ho visitato varie altre organizzazioni e l’ambasciata svizzera insieme ai coordinatori del programma nazionale, Andrianparany Rasamimanana e Diary Ratsimanarihaja. Per lavorare nel modo più efficace possibile, è stato organizzato un workshop di quattro giorni in cui ho incontrato personalmente tutti i rappresentanti delle organizzazioni partner di progetto del programma nazionale. Purtroppo, ho dovuto tornare una settimana prima del previsto a causa della scoperta della variante Omicron nell’Africa meridionale, poiché l’Europa avrebbe potuto chiudere le frontiere del Madagascar in qualsiasi momento. La pandemia è stata anche il motivo per cui ho potuto fare solo una visita sul campo vicino alla capitale. Durante questa breve visita, ho vissuto il Madagascar come un paese molto bello, fertile e verde.

Com’è la situazione nel Paese?
Nel novembre 2021 il governo malgascio ha riaperto le frontiere al turismo. Si spera che questo stimoli l’economia. D’altro canto, però, questo fa temere un aumento dei casi di Covid-19 e relative nuove restrizioni. Si tratta di un delicato equilibrio per la gente del paese.

Ufficialmente, la pandemia ha fatto solo poche vittime, quale valutazione fate voi e le vostre organizzazioni partner di progetto?
A causa della sua insularità e della chiusura della frontiera, è stato relativamente facile per il Madagascar controllare la pandemia. Fino alla riapertura della frontiera nel novembre 2021, ci sono state in realtà relativamente poche vittime, anche se il numero ufficiale dei casi probabilmente non riflette la realtà. Da quando il confine è stato aperto, tuttavia, il numero di nuove infezioni è in aumento.

Quali sono gli effetti della pandemia?
Le ripetute chiusure di scuole degli ultimi due anni hanno avuto un impatto incisivo sui bambini. Dopo le vacanze di Natale, l’inizio della scuola nella regione capitale di Analamanga è stato rinviato di una quindicina di giorni, fino al 17 gennaio, a causa dei numerosi test positivi. Solo nella prima settimana di gennaio, sono stati registrati 1620 casi positivi nella regione di Analamanga. Nel resto del paese, ci sono state 2155 nuove infezioni nello stesso periodo.

L’anno scorso c’è stata una grande siccità nel sud del paese e Azione Quaresimale ha fornito aiuti d’emergenza: come stanno ora le persone?

Il progetto dell’aiuto d’emergenza ha assicurato la sopravvivenza delle persone per tre o quattro settimane. Nel frattempo, c’è stata un po’ di pioggia, ma non abbastanza per migliorare la loro situazione. Quello che manca alla gente della regione arida del sud è l’accesso all’acqua. Una volta che hanno l’acqua, possono anche coltivare. Quest’anno, la nostra organizzazione partner di progetto Taratra si concentrerà maggiormente sulla coltivazione di cibo dove ci sono pozzi e un’irrigazione minima. Questo include l’introduzione del cestino per il composto organico, e lenticchie, manioca, mais e arachidi saranno piantati sui rifiuti organici della cucina. Nella parte sud-orientale del Madagascar, questo metodo può raggiungere una produttività molto alta su terreni poveri di nutrienti in una piccola area. Per alleviare la carestia a lungo termine, non ci accontentiamo di coltivare verdure negli orti. L’organizzazione partner di progetto Taratra introdurrà anche la tecnica dei “keyhole gardens” nei villaggi tra i gruppi Tsinjo Aina. Il Keyhole Garden, o orto a buco della serratura, è un tipo di orto rialzato in cui si coltivano verdure. In questo modo, le risorse scarse come l’acqua e le sostanze nutritive possono essere utilizzate in modo ottimale. Inoltre, stiamo sostenendo la creazione di vivai di alberi per fermare e idealmente anche invertire gli effetti negativi che la deforestazione ha sulla meteo, come la mancanza di pioggia.

Qual è il tuo desiderio e quali speranze gli attribuisci?
Mi auguro che possiamo continuare la cooperazione nel programma nazionale del Madagascar nel miglior modo possibile in modo che la gente possa migliorare le proprie condizioni di vita da sola.

Ulteriori informazioni sui progetti di Azione Quaresimale in Madagascar si trovano qui.

Sostenga il nostro lavoro per il diritto al cibo.

Grazie di cuore per la sua donazione.