Resoconto sulla Giornata Internazionale della Donna

La strada verso l’uguaglianza è lunga e pesante

08.03.2022
Benno Steffen, responsabile per il paese, ha potuto visitare nuovamente i progetti di Azione Quaresimale in Nepal dopo una lunga pausa dovuta alla pandemia di COVID-19 e ha avuto un interessante incontro con il coordinatore Samrat Katwal.

La strada verso l'uguaglianza è lunga e pesante

Benno Steffen, responsabile per il paese, ha potuto visitare nuovamente i progetti di Azione Quaresimale in Nepal dopo una lunga pausa dovuta alla pandemia di COVID-19 e ha avuto un interessante incontro con il coordinatore Samrat Katwal.

Sulla strada dissestata che collega Dolpa al resto del Nepal, non ci sono ponti transitabili a molti incroci. Pertanto, le persone devono trasportare le merci su passerelle pedonali da una parte all’altra del fiume per caricarle nuovamente sui rimorchi dei trattori e proseguire il viaggio. Durante il nostro viaggio verso l’organizzazione partner di progetto Caed attraverso la remota provincia di Karnali, la più povera del Nepal, abbiamo incontrato oltre una dozzina di giovani donne a Tripurasundari che stavano attraversando l’enorme fiume Thuli Bheri su un ponte sospeso con pesanti carichi sulle spalle. Abbiamo iniziato a conversare con Purnima Sharki, una donna Dalit di 18 anni che sulla schiena portava carichi fino a 50 chili, quindi di ben oltre il suo peso corporeo. Altre donne portavano anche merci fino a 80 chilogrammi, mentre i ragazzi di 13-14 anni pesi fino a 40 chilogrammi. Nonostante questa fatica, Purnima e le sue amiche erano di buon umore e visibilmente felici di avere l’opportunità di guadagnare il proprio denaro.

Per il trasporto di un carico di rimorchio pieno da una parte all’altra del fiume, le donne ricevono insieme 6000 NPR (circa CHF 46.00). A seconda del numero di rimorchi e delle dimensioni del gruppo, ognuno di loro può guadagnare da 500 a 2000 rupie al giorno. L’interesse delle donne per questo lavoro fisicamente impegnativo è così grande che le donne Dalit dei villaggi circostanti hanno accettato di farlo a turno in modo che il maggior numero possibile di loro possa guadagnare. Tra le altre cose, abbiamo chiesto alle giovani donne perché non c’erano giovani uomini, visto che anche loro potevano fare questo lavoro. Purnima ha detto che probabilmente erano troppo timidi e ha aggiunto con sicurezza che questo lavoro dovrebbe essere comunque riservato alle donne, che possono così guadagnare da sole.

Consapevolezza di una vita autodeterminata
Alla domanda relativa ai suoi sogni nella vita, Purnima ha risposto, tra il divertimento dei suoi amici, che voleva trovare un lavoro e vivere una vita autodeterminata. I suoi amici scherzando hanno affermato che sicuramente voleva sposarsi prima. Per le donne del Nepal rurale, il matrimonio significa rinunciare alla carriera. Per realizzare il suo sogno, Purnima, al momento, oltre a frequentare il 12° anno, sta anche studiando in una scuola agraria per formarsi come tecnico junior in agricoltura (TJA).

Caed, l’organizzazione partner di progetto di Azione Quaresimale a Dolpa, è consapevole della discriminazione contro le donne in generale e i Dalit in particolare, e ha concentrato il suo lavoro sul cambiamento di questa situazione. Tuttavia, le pratiche e le credenze culturali sono profondamente radicate e non possono essere cambiate dall’oggi al domani. La strada verso l’uguaglianza è lunga e difficoltosa. In questo incontro spontaneo con Purnima Sharki e i suoi amici, ci siamo però resi conto che anche se le donne devono fare questi lavori duri per necessità, allo stesso tempo sono fiduciose e vanno a scuola per realizzare i loro sogni. Solo dieci anni fa, molte di queste giovani donne sarebbero state sposate, avrebbero dovuto lasciare presto la scuola e sarebbero state madri di diversi bambini ancor prima di aver compiuto vent’anni.

Equità di genere
Senza giustizia di genere, la lotta contro fame e povertà non potrà avere successo. In tutti i nostri progetti e programmi, ci concentriamo sul superamento delle disuguaglianze di genere e sul cambiamento delle relazioni di potere tra i sessi in modo sostenibile. Rispettiamo le persone nella loro diversità in termini di genere, origine, fede ed età. Le persone dovrebbero vivere libere dalla discriminazione.